Biografia

biografia-carriera-e-premi-renata-arlotti

"Profondità di suono, varietà timbrica, sensibilità"

La formazione

Giovanissima, Renata Arlotti inizia lo studio della chitarra classica nella sua città, Sassari, per poi proseguire a Milano sotto la guida del celebre concertista Lorenzo Micheli.

Dopo la maturità classica, Renata prosegue gli studi musicali ultimando il Triennio Accademico di I livello col massimo dei voti e la lode, nella classe dello stesso Maestro Micheli, presso il Conservatoire de la Vallée d’Aoste.  Come riconoscimento del suo alto livello di preparazione, le viene assegnata una borsa di studio dalla Fondazione Istituto Musicale come miglior diplomata del suo anno.

Successivamente si perfeziona con il Master Of Arts in Music Performance, conseguito presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano, nella classe di Lorenzo Micheli. Pochi mesi dopo, Renata viene ammessa alla prestigiosa Royal Academy of Music di Londra, dove consegue un secondo Master sotto la guida di Michael Lewin, David Russell e Fabio Zanon, ricevendo il supporto dalla Blyth Watson Charitable Trust.

Contemporaneamente a questi molteplici impegni, dal 2012 al 2016, Renata Arlotti frequenta i corsi dell’Accademia Musicale Chigiana con Oscar Ghiglia, ricevendo il Diploma di Merito destinato ai migliori allievi e l’invito a frequentare i corsi per un ulteriore anno oltre al massimo di quattro concessi a ogni studente. Nel 2017, viene invitata a suonare per la prestigiosa stagione concertistica “Micat in Vertice” dell’Accademia Chigiana, dove viene presentata come “talento chigiano”.

 

L’Attività Concertistica

Alla sua formazione Renata ha sempre affiancato un’intensa attività concertistica. Ha infatti suonato in Italia e un po’ in tutto il mondo: in Irlanda, Svizzera, Spagna, Inghilterra, Francia, Iran, USA e Giappone, sia come solista chee in formazioni cameristiche. Tra i palchi più prestigiosi calcati da Renata, si possono menzionare quelli di sale da concerto di fama internazionale come la Roudaki Hall a Teheran, la Munetsugu Hall a Nagoya, l’auditorium Umberto Agnelli dell’Istituto Italiano di cultura di Tokyo, il King’s Place – Hall 1 a Londra,  l’Auditorium Mc2 a Grenoble, il Salone dei Concerti dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena.

 

Critica, Collaborazioni e Riconoscimenti

Diversi giornali hanno scritto della musica e dell’attività di Renata. Questa giovane chitarrista classica è stata inoltre invitata in trasmissioni radiofoniche e intervistata da emittenti televisive nazionali. Il Maestro Antonio Ligios, direttore del Conservatorio di Sassari, recensendo un suo concerto, l’ha definita sulle pagine de La Nuova Sardegna: “Musicista dalla grande sensibilità, dotata di profondità di suono e grande varietà timbrica”.

Diversi sono i compositori che hanno scritto esclusivamente per lei. Renata, infatti, collabora regolarmente con autori di nuove musiche per espandere e diffondere il repertorio della chitarra classica.

Nel 2017 “l’Inner Wheel club Sassari Castello” le ha assegnato il premio “Renata Pintore”, riconosciuto dall’associazione a donne che “con le loro attività intellettuali, artistiche o scientifiche abbiano dato prestigio alla città di Sassari coniugando l’etica alle loro qualità personali”.

Il suo disco d’esordio Suites and Homages (2018), pubblicato dalla casa discografica Stradivarius e dedicato alle musiche di Mario Castelnuovo-Tedesco e Vicente Asencio, ha ricevuto entusiastiche recensioni di pubblico e critica, per le riviste “Musica” (Disco del mese), “il Fronimo”, “Seicorde”, “Amadeus”, “American Record Guide”, “DotGuitar” e molti altri.

La musicista sassarese è sponsorizzata dai supporti per chitarra “Guitar Lift” di Felix Justen e suona con due chitarre del liutaio fiorentino Andrea Tacchi.

 

Attualità e nuovi progetti

Renata Arlotti affianca al momento la carriera concertistica a quella didattica, risiedendo e attualmente insegnando a Londra.

Dal 2021 è parte del corpo docente della “LPMAM” – London Performing Academy of Music di Londra.

Renata è attualmente rappresentata dall’agenzia Sonora Music per un progetto dedicato ai “24 Caprichos de Goya” del compositore fiorentino Mario Castelnuovo-Tedesco che la porterà a esibirsi nelle sale di tutto il mondo.

Riconoscimenti

2016

vincitrice della YAP - "Young Artist Platform" dell'IGF

London

2016

master of arts in music performance

Royal Academy of Music – London

2017

PREMIO "RENATA PINTORE"

Inner Wheel Club Sassari Castello

2019

sardinia_moving_arts

Renata è parte dell’ambizioso progetto Sardinia_Moving_Arts, visita il sito per maggiori informazioni! Sardinia_Moving_Arts

2020

Sonora music agency managment

Renata è ora rappresentata dall’agenzia “Sonora Music”, maggiori dettagli nella sezione “contatti”

2021

Guitar faculty at lpmam

Docente di chitarra nel nuovo Conservatorio londinese LPMAM, per i corsi Bachelor e Master